Città a misura di cargo-bike

Nel 2021 ci sarà un fondo di 2 milioni di euro per incentivare l’acquisto di cargo bike e cargo bike a pedalata assistita: la misura è rivolta alle micro e alle piccole imprese che svolgono attività di trasporto merci e, in questo modo, potranno ricevere il 30% di credito d’imposta per acquisto di cargo bike (fino a un massimo di 2.000 euro l’anno). Il provvedimento è stato inserito nel “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023”.

Indubbiamente si tratta di un primo, significativo, passo per promuovere la ciclo-logistica in ambito urbano e decongestionare l’ultimo miglio dal traffico motorizzato dal momento che le consegne contribuiscono a creare inquinamento e disagi soprattutto nei centri storici delle città. Le cargo bike sono una risorsa per la logistica e possono sostituire la seconda (o perché non la prima) auto, garantendo un risparmio sul portafoglio e sulle emissioni.

L’opportunità di diffondere le cargo bike nelle città italiane si deve confrontare però con una necessaria riflessione sul tema della sicurezza e di infrastrutture non sempre adeguate. «Ai sensi del Codice della strada – ha spiegato Enrico Chiarini, consigliere nazionale e co-responsabile Centro studi FIAB – le cargo bike sono velocipedi e, come tutti i mezzi di questa categoria, non possono superare 1,30 metri di larghezza, 3 metri di lunghezza e 2,20 metri di altezza. In assenza di piste o percorsi idonei, devono transitare in carreggiata». Ma come si stabilisce l’idoneità di una ciclabile per questi mezzi? «Su piste monodirezionali larghe almeno un metro e mezzo possono circolare cargo bike larghe fino a 110 centimetri; i tratti ciclopedonali bidirezionali sono aperti alle cargo se sono larghi 3 metri».

Posted in FIAB sui Media and tagged .