Auto o condizionatore?

La soglia di Pm10 a Modena nel 2022 è già stata superata per 44 volte (un giorno su due) ed abbiamo già sforato il numero di giornate permesse in un anno. Nel 2021 la media annuale dei PM10 è stata oltre il doppio del limite massimo stabilito da OMS, mentre biossido di azoto e PM2,5 oltre il triplo. Secondo il World Air Quality Report nell’ultimo mese nella nostra città la qualità dell’aria è la settima peggiore al mondo, addirittura dietro a megalopoli come Dacca.

Le polveri sono un inquinamento che non si vede ma che crea gravi problemi alla salute soprattutto dei più piccoli, degli anziani e di chi già soffre di patologie cardio-respiratorie, spesso i nostri familiari più deboli a cui dedichiamo le cure maggiori. Non è una situazione nuova ma nessuno interviene in modo deciso; anzi, appena i valori giornalieri tornano nei limiti, vengono subito annullate le misure restrittive sul traffico.

Non è facile risolvere un problema decennale in pochi mesi, ma è ora almeno di iniziare a fare quello che è nelle nostre possibilità. Tra queste c’è sicuramente una revisione delle politiche sulla mobilità, visto che secondo i dati del PUMS l’ 83% dei tragitti in auto inizia e finisce nel comune di Modena e il 45% di questi è più corto di 2,5Km: basterebbero questi due numeri per capire che nell’immediato è necessario incidere per ridurre drasticamente il traffico automobilistico inutile.

Ed invece di blocchi del traffico giornalieri, si dovrebbero imporre misure permanenti come l’estensione del limite del 30kmh a tutte le zone residenziali: oltre a minor rumore ed inquinamento, favorirebbe anche la scelta dell’utilizzo della bici nei percorsi casa-scuola o casa-lavoro perché diminuendo la velocità del traffico aumenterebbe la sicurezza per ciclisti e pedoni, che è il primo motivo per cui le persone non camminano o non pedalano.

Oppure istituire il divieto di transito/parcheggio auto davanti alle scuole, dove i nostri ragazzi rimangono per tutto l’arco della giornata. Con un piccolo cambio di abitudini, accompagnarli a piedi od in bici potrebbe diventare una sana consuetudine anche per gli adulti.

Ognuno di noi, davanti al probabile razionamento delle fonti energetiche fossili deve iniziare a domandarsi quali comportamenti virtuosi tenere: cambiare la modalità di qualche spostamento quotidiano, oltre a non essere un grande sacrificio reale, ha anche il grande vantaggio che è sempre e comunque una scelta di pace. Anche per le nostre città.

Posted in FIAB sui Media and tagged .