InfoBici n.46: In bici sulla strada, regole e leggende metropolitane

Pubblicazione edita da FIAB Modena – Settembre 2017 – anno 13 – n° 46

Sommario:

  • Perseverare è diabolico
    La velocità elevata, la mancata precedenza e la guida distratta sono le cause principali degli incidenti che vedono coinvolti i ciclisti. Intervenire si può, c’è chi lo fa e i modi ci sono.
  • La gradevole semplicità delle zone a 30 km/h
    Poche regole, riduzione della velocità, tanta sicurezza per tutti.
  • Quel dedalo di ciclabili ‘spezzate’ dalle strade
    Ogni tanto anche i ciclisti hanno – o meglio avrebbero – la precedenza: occhio ai quadrati disegnati per terra e al simbolo della bici verde sul semaforo.
  • E, dopotutto, ci sono anche i pedoni…
    Il codice tutela in molti modi gli utenti più deboli della strada. Ma attenzione, è buona norma incrociare lo sguardo con gli automo­bilisti per essere certi che si fermino!
  • L’ambiguità delle rotatorie
    Utili per rendere più scorrevole il traffico, per pedoni e ciclisti le ro­tatorie possono essere un incubo
  • Ti piacerebbe… essere il traffico?
    Quando si dice “… oggi c’è molto traffico” si pensa sempre a quello automobilistico, e noi ciclisti?
  • Chi passa? E adesso dove vado? L’enigma degli incroci e i “buchi neri” delle ciclabili
    Le intersezioni e le improvvise interruzioni ne sono il punto più delicato e rischioso. Vediamo cosa prevede il Codice della Strada e quali comportamenti adottare per la propria (e altrui) sicurezza.
  • Forse non tutti sanno che…
    Si può attraversare sulle strisce pedonali semaforizzate in sella alla bicicletta
  • Ciclabili e passi carrai: lo sapevi che…?
    Chi esce da un passo carraio deve dare la precedenza a chi circola sulla strada. Ma… la ciclabile è una strada?
  • Ti piacerebbe… essere come l’acqua di un fiume?
    Pedalare liberi e senza continue interruzioni: sembra un sogno, ma è realtà
  • Segnaletica ciclabili: una vera giungla!
    Sulle ciclabili mancano molti segnali, e tanti ci sono ma sono errati. I ciclisti devono dunque diffidare della segnaletica?
  • Un registro nazionale per le biciclette?
    Anche se le leghiamo con buoni lucchetti, a volte le bici spariscono. Un registro nazionale può aiutarci a ritrovarle.
  • Aree pedonali: lo sapevi che…?
    Le aree pedonali non sono solo per i pedoni;in bicicletta – e non solo – si possono percorrere.
  • Si può pedalare appaiati?
  • Si possono trasportare oggetti o animali?

scarica infobici n.46 (pdf)

Posted in Pubblicazioni e InfoBici.