“Bike to work”, occorrono incentivi

bike2work modena

bike2work modena

Le città europee inquinate cercano un’alternativa nei mezzi di spostamento ecologici: trasporto pubblico, bicicletta, pedonalità. Penalizzati per decenni dalle politiche autocentriche di governi nazionali e locali, essi appaiono oggi come l’unica risorsa disponibile per migliorare la qualità dell’aria e dell’ambiente urbano.

Nell’ intento di promuovere l’uso della bicicletta, la Fiab aderisce da anni alla European Mobility Week (16-22 settembre), la più grande manifestazione continentale nata con l’obiettivo di suscitare l’interesse generale sulla mobilità sostenibile. Spostarsi per il lavoro, lo shopping e il tempo libero con la bike è possibile, salutare e piacevole.

Quest’anno, la Fiab nazionale ha sottoscritto un accordo con la rete “Città sane” per collaborare -fra l’altro- alla realizzazione di alcuni eventi, tra cui la giornata dedicata al Bike to work (16 settembre).

Alla manifestazione hanno aderito molte città italiane, tra cui Modena: oltre al Comune, si sono mobilitate anche l’Ausl, il Policlinico, Bper Banca, Tetra Pak, Aliante cooperativa sociale, Mediamo, Mediagroup98, NordiConad.

Tuttavia, alle “giornate” tematiche, come spesso accade, non fanno poi seguito impegni pratici che inducano a ridurre l’uso dei veicoli inquinanti.

Gli incentivi più efficaci sono noti: depositi protetti presso la sede di lavoro, spazi per cambiarsi gli indumenti sudati, accordi con laboratori di ciclo riparatori. Altre importanti iniziative sono: riconoscere un monte minuti di ferie a fronte dei chilometri percorsi con la due ruote da casa al lavoro; possibilità di accesso ai mezzi pubblici per attuare l’intermodalità, specialmente sui percorsi lunghi.

Giuseppe Marano
www.modenainbici.it

Posted in FIAB sui Media, Mobilità sostenibile and tagged .